bocca d'oro - A PESCA IN MARE CON GUIDO

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

bocca d'oro

Tutto sui pesci
Pesca con Gaggioso il portale della pesca del trentino e nel mondo

Bocca d’oro


Caratteristiche morfologiche

Il bocca d’oro presenta una conformazione allungata, ed il corpo è piuttosto compresso lateralmente. La pinna codale è a spatola, e la vescica natatoria è molto grande e sviluppata. La colorazione dominante è grigio blumbea con sfumature argentee sui fianchi, e ventre biancastro. L’interno della bocca è giallo oro, donde il nome particolare dato a questo pesce. Il bocca d’oro raggiunge talvolta una lunchezza di  2 mt, con un peso relativo molto consistente. Una caratteristica rilevante di questo grosso pesce è il tipico rumore  che esso provoca in acqua, fornito dalla vescica natatoria che viene fatta quasi risuonare.

Abitudini

Il bocca d’oro vive solitamente in acque poco profonde e sabbiose, nei pressi di canali, sbocchi di fiumi o estuari.  La riproduzione, stando alle conoscenze acquisite, avviene nel periodo estivo. Si nutre in gran parte di sardine, piccoli saraghi, boghe, marmore  e muggine, che cattura in gran parte nelle vicinanze delle foci fluviali.

Metodi di pesca

Non è facile rintracciare questo pesce nelle nostre acque,  anche se branchi abbastanza consistenti  possono essere individuati nel medio Tirreno.  Il metodo più adatto e forse l’unico per catturarlo consiste nell’utilizzo di attrezzi adeguatamente potenti da surf fishing, con lenza minimo da 0,40 e in caso di mare un po’ mosso piombi con grappini in acciaio per impedire che la risacca riporti a riva la lenza e il resto. Come esca, andrà bene il cannolicchio, una piccola anguilla viva, acciuga o muggine di scarse dimensioni oppure una striscia di totano.  Essendo in norma piuttosto pesante e potente, il bocca d’oro, una volta allamato, tende a reagire furiosamente, da tipico predatore  qual è: è allora il caso di giocare d’astuzia dandogli un po’ di corda e facendolo sfogare, lavorando di frizione con la canna, in modo da evitare che la lenza si spezzi o che l’amo venga storto o deformato. Le girelle da usare dovranno essere per maggior garanzia di tenuta e solidità quelle per la pesca a traina.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu